Scola Epifania Milano01
...
12 Luglio Lug 2017 1458 4 months ago

Il Tesoro del Grande Museo del Duomo di Milano, un patrimonio ancora vivo

Il pastorale di san Carlo per il prossimo ingresso del nuovo Arcivescovo in Cattedrale

Il Tesoro conservato nel Grande Museo del Duomo di Milano, proprietà del Capitolo Metropolitano, racconta la storia fin dalle origini della Cattedrale simbolo della città, nata da un atto di Fede e ancora oggi patrimonio vivo e “rispolverato” dalle teche per particolari celebrazioni e occasioni liturgiche.

Fu il Duomo ad ereditare gli oggetti appartenuti alle basiliche milanesi sussidiarie della Cattedrale: quella estiva, paleocristiana di Santa Tecla abbattuta in parte nel 1471 e quella invernale, di epoca carolingia di Santa Maria Maggiore, il cui altare è poi divenuto l’attuale mensa dell’altare maggiore. Già precedentemente, nel gennaio del 1400, fu stilato un inventario della sacrestia, che offriva un primo elenco del Tesoro suddiviso in “capitula”, ossia classi di suppellettili. Allora come in parte ancora oggi, gli oggetti liturgici, necessari alle funzioni celebrate dal clero capitolare, arricchivano la sacrestia, gli altari e lo scurolo, poi per motivi conservativi e istituzionali, una parte di tale raccolta come, sculture, croci processionali, calici e ostensori, argenti e avori è stata esposta nelle prime due sale del Museo.

Risalenti all’epoca borromaica sono i tre busti argentei raffiguranti s. Tecla, s. Carlo Borromeo e s. Sebastiano eseguiti da Pietro Francesco da Como per contenere le reliquie della Cattedrale, secondo le disposizioni di san Carlo. L’intera serie era composta da 12 pezzi ed era esposta sull’altare maggiore durante le celebrazioni.

Tradizionalmente appartenuti a s. Carlo, nell’ultima vetrina del Tesoro, opera di botteghe lombarde, sono la Croce astile in lastra d’oro sbalzata e cesellata, con gemme e cristalli di rocca, e il Pastorale di s. Carlo.

Forse databile all’inizio del XVII secolo, nonostante la nota attribuzione, in argento dorato in lastra e in getto, il pastorale presenta nodo a tempietto esagonale, con 6 nicchie contenenti statuette di santi; il riccio, a testa di delfino, circoscrive l’Agnus Dei, ossia l’Agnello mistico con il Libro. Entrambi simbolo dell’autorità e del governo del vescovo, il prossimo 24 settembre il pastorale sarà usato per l’ingresso solenne del nuovo Arcivescovo nella Chiesa di Milano.

Vieni a visitare le sale del Grande Museo del Duomo tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00, giorno di chiusura il mercoledì.

Per informazioni:

Duomo Info Point
Piazza Duomo 14/a - 20122 Milano
Tutti i giorni 09.30 - 17.30
+39.02.72023375
info@duomomilano.it​