IMG 9064 OK
...
10 Gennaio Gen 2017 1017 10 months ago

Un gigante in Museo?

Tutti i perché del Grande Museo del Duomo


La riapertura del Grande Museo del Duomo nel 2013 è stata occasione non solo per ripensare in alcuni casi l’ordinamento delle opere, procedere al loro restauro con la conseguente necessità di rinnovare e ampliare l’allestimento museale, ma anche la preziosa circostanza  per incrementare la raccolta con elementi che completassero il racconto della costruzione del Duomo e la storia della sua Fabbrica. È in questo fondamentale momento che ha fatto il suo ingresso in Museo l’enorme altorilievo raffigurante un pastore o un contadino, uno dei cosiddetti Giganti della Cattedrale. Queste imponenti figure sostegno i fantasiosi doccioni inseriti negli spigoli dei contrafforti. La loro funzione di “puntello” per le bocche d’acqua si arricchisce nella forme che sono state date loro nel tempo, nella fantasiosa e ricca schiera di artigiani viandanti, pellegrini e nobili dalle ricche vesti, ma anche di paggi, armigeri e popolani. Queste straordinarie testimonianze artistiche così strettamente connesse con la compagine dell’edificio offrono un sicuro elemento di studio della scultura più antica del Duomo.

Una curiosità: il grande cane che stringe con la bocca e con le zampe un osso, che si ammira insieme alle molte e originali gargoyle, ritrova in Museo il suo “padrone” proprio nel Gigante esposto, dopo per che motivi di conservazione furono entrambi rimossi dalla Cattedrale.