DSC 2054
...
25 Novembre Nov 2016 1526 10 months ago

Quale marmo per Sant’Agnese?

Tutti i perché del Grande Museo del Duomo

La provenienza delle statue del Grande Museo del Duomo è diversa: alcune di esse erano originariamente collocate sulle mensole poste sui fianchi e sullo sguancio delle finestre della Cattedrale, altre sulle guglie, altre ancora provengono dai capitelli dei piloni. Tra queste spicca la bellissima S. Agnese.

La santa è raffigurata con in mano l’agnello, che ricorda il suo nome, è avvolta in un panneggio mosso dall’incedere del passo e, scolpita finemente nel marmo, si nota la raffinata acconciatura.  Questa mirabile scultura, insieme ad altre tre, fu offerta alla Veneranda Fabbrica dallo scultore Benedetto Briosco “per la sua devozione”, come tramandano le fonti. 

Anche se già noto ai documenti della Veneranda Fabbrica come “magister a figuris” nel 1482, dopo importanti e prestigiose commissioni al di fuori della Cattedrale, il Briosco, all'inizio degli anni novanta, intraprese una seconda fase di collaborazione con il grande cantiere del Duomo, probabilmente propiziata dalla promessa di scolpire quattro statue in marmo di Carrara a proprie spese, tra cui appunto la nostra S. Agnese (1491) e non in quello di Candoglia, materiale usuale per le opere del Duomo.

La bellissima opera era probabilmente la statua posta sull’altare dedicato alla santa alla quale Ottone Visconti (1207-1295) aveva a suo tempo dedicato nella Basilica di Santa Tecla una cappella in memoria della battaglia di Desio (1277), occasione in cui, secondo la tradizione, la Santa apparve sul campo di battaglia, consegnando la vittoria alla fazione dell’arcivescovo. Il culto della santa fu trasferito in Duomo fin dalla sua fondazione, nel 1386.

Secondo recenti ricostruzioni san Carlo Borromeo l’aveva fatta “riporre” sul capitello di pilone, dove fu ritrovata e identificata dal critico e studioso Ugo Nebbia nel 1908, dopo che l’altare, un tempo di legno dipinto e ornato di statue, fu smantellato per far posto a quello nuovo cinquecentesco.